Messaggio per un’aquila che si crede un pollo

Un uomo trovò un uovo d’aquila e lo mise nel nido di una chioccia. l’uovo si schiuse contemporaneamente a quelle della covata e l’aquilotto crebbe insieme ai pulcini. per tutta la vita l’aquila fece quel che facevano i polli del cortile, pensando di essere uno di loro. Frugava il terreno in cerca di vermi e insetti, chiocciava e schiamazzava, scuoteva … Continua a leggere

Uno, nessuno e centomila

“ In certi momenti di silenzio interiore, in cui l’anima nostra si spoglia di tutte le finzioni abituali, e gli occhi nostri diventano più acuti e penetranti, noi vediamo noi stessi nella vita, e in se stessa la vita, quasi una nudità arida, inquietante; ci sentiamo assaltare da una strana impressione, come se, in un baleno, ci si chiarisse una realtà … Continua a leggere

Relazioni finite. Educare al cambiamento.

Si d’accordo, la sensazione è di camminare sul cornicione della catastrofe. Il mondo crolla perché si sgretolano i nostri legami, non solo per il buco dell’ozono o per l’esaurimento delle risorse naturali. Il contatto col limite certo genera paura, forse anche angoscia. Ma non è detto. Se, invece, il contatto col rischio estremo liberasse un inedito senso di responsabilità, una … Continua a leggere

L’ESSERE UMANO

” L’essere umano è esso stesso nel contempo uno e molteplice. Ogni essere, anche il più chiuso nella più banale delle vite, costituisce in se stesso un cosmo. Porta in sè le proprie molteplicità interiori, le proprie personalità virtuali, una infinità di personaggi chimerici, una poliesistenza nel reale e nell’immaginario, nel sonno e nella veglia, nell’obbedienza e nella trasgressione, nell’ostentato … Continua a leggere